martedì 27 maggio 2014

Die anderen Kinder



La giornata è cominciata con lacrime amare: Davide non può uscire con i pantaloni corti perché secondo me fa un po’ freddino. A nulla serve promettere che se poi fa caldo può cambiarsi. Lui vuole i pantaloni corti adesso. Ci sono 16 gradi, che non sono pochi ma non sono nemmeno tanti, niente sole e quel classico venticello anseatico capace di far venire i malanni in una sola folata.
Alla rabbia del pargolo si aggiunge lo scarso sostegno del marito teutonico che fa fatica a vedere il problema e con cui ogni mattina da un paio di settimane si affronta la stessa discussione: “no Sven, non lo fai uscire in maniche corte, almeno un maglioncino lo porti” - “ma fa caldo!” - “no Sven, sotto i 20 gradi non è caldo! C’è anche tanta aria, porta la giacca” - “Ma non è inverno!” - “Non mi importa, se poi piove almeno si copre!”.
E come ogni mattina, da un paio di settimane, il suo tentativo estremo di far uscire il bambino come se andasse in spiaggia poggia su un meccanismo psicologico sottile ma che per un attimo sarebbe in grado di farmi cambiare idea: la diversità (ne ho già parlato qui). Ma non ci casco e non mi importa se gli altri bambini arrivano all’asilo in bermuda, canotta e sandali. Il nostro ci va vestito a strati e, quando esce il sole o la temperatura si fa mite (non dico calda!), allora può spogliarsi.
Tra le proteste i miei due crucchi alle 8 escono di casa - chissà se poco prima di raggiungere il cancello dell’asilo Sven toglie almeno la giacchina a Davide per non essere preso in giro dagli altri genitori... Se solo sapesse che quando vado a prenderlo per prima cosa, se secondo me fa freddino, gli metto la felpa, anche se è già in giardino in maglietta da 2 ore!

Perché, in fondo, Davide è diverso dai bimbi solo tedeschi.

Domenica siamo andati a fare una grigliata al parco insieme ad altre due famiglie e a due dei tre bimbi che insieme a Davide formavano il club della salsiccia (ne ho parlato qui). Di sera Sven mi chiede seriamente in che cosa abbiamo sbagliato. Non capisco, replico, non mi sembra che si sia comportato male, anzi, era il più tranquillo! Il “problema” è che gli altri due bimbi alla fine della giornata erano talmente sporchi che potevano essere messi direttamente in lavatrice mentre il nostro aveva appena una macchia di fango sui pantaloni, della quale si è lamentato per un bel pezzo. Gli altri appena arrivati al parco si sono levati le scarpe e le hanno rimesse a forza solo al momento di andare via. Sono andati in bici, si sono arrampicati, hanno giocato a calcio, sono andati in giro per tutto il parco scalzi mentre il nostro si è giusto messo i sandali. E questo è niente! Se venite a fare un giro in Germania, o se ci abitate ma non vi è ancora capitato, vi consiglio di entrare un attimo in un parco giochi, possibilmente se la mattina ha piovuto. La parola “sporco” non avrà più lo stesso significato, ve lo garantisco.

“Sven, non abbiamo sbagliato niente. Non dimenticarti che Davide è mezzo hamburger e mezzo cotoletta” (mi raccomando la e aperta!) - e comunque quando siamo a Milano il nostro bambino lo si riconosce tra i bimbi milanesi perché è quello più lercio e vestito peggio, neanche un cavallino o un coccodrillino in vista e nessuna mamma che lo insegue verbalmente chiedendo di non correre se no sudi, non sederti per terra se no ti sporchi, non saltare se no sollevi la polvere e altre richieste di simil sorta.
Addirittura quando aveva un anno e mezzo e ancora si lasciava convincere a fare “certe” cose è stato avvistato al parco giochi del parco Sempione  a piedi nudi. Mamme, baby sitter e nonne presenti incredule e schifate. Io invece contenta di avere un bambino diverso. E libero.

6 commenti:

  1. Orbene, all'asilo (molto Multikulti) di Siegmund c'è un bambino indiano. Lui, la mamma ed il fratellino minore (che incontro spesso all'uscita) vanno in giro tutto l'anno con i sandali. Senza calzini, ovviamente (uno dei capitoli in cui sono più rigida e per i quali ripeto ostinatamente: «non passa lo straniero!!»). Tutti gli altri bambini (tedeschi, greci, italotedeschi, olandesi, francesi, marocchini, albanesi, bulgari, croati, polacchi...) portano felpe, t-shirt a maniche lunghe o corte, tranne lui, che tutto l'anno ha la camicia con le maniche corte e, se fa proprio freddo, porta un piumino - ma sempre coi sandali. Morale della favola, confermata dalla maestra: è quello che si ammala di meno.
    Ciò non toglie che pure io mi arrabbi spesso con Siegmund, che rifiuta puntualmente le mie proposte sul vestiario, ma ho deciso che ormai, visto che va per i quattro anni, è ora che si renda conto della relazione causa-effetto. Deve per forza fare splash con le scarpe da ginnastica in ogni pozzanghera? Che si tenga i piedi bagnati (sì, lo so, poi quand'arriva il raffreddore pesante me lo sorbetto io...). Prima o poi afferrerà.

    RispondiElimina
  2. Ma dai, belli i bimbi zozzi, che si rotolano nell'erba, che vanno a piedi nudi e mezzi nudi ... Io darei retta a tuo marito, così avrà il corpo temprato di un crucco (senza maglia della salute!) e magari qualche altra bella caratteristica italiana, chessò, la parlantina, la capacità di farle innamorare tutte solo parlando di stelle, mare, sole ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Approvo. D'accordo con la Cecilia su questo... E' come quando gli inglesi non sciacquano il sapone via dai piatti lavati. Noi italiani pensiamo di morire, ma in realtà loro sviluppano un sistema immunitario della madonna.

      Elimina
  3. Hai dimenticato il "non correre che ti fai male!" :D In questo le mamme italiane 100% non sono seconde a nessuno. E la miseria, tanto vale mettergli il tutone dei tizi di ET e tenerli al guinzaglio. Speriamo che il piccino sviluppi per bene le sue belle Sturmtruppen di anticorpi tedeschi.

    RispondiElimina
  4. Allora non sono l'unica a pensare che forse è un tantino esagerato vestirli già con pantaloncini e maglietta!!! All'asilo è due mesi che mi tartassano con richieste di abbigliamento estivo. Ma dico io, ma a luglio e agosto poi come li vestiamo? O meglio, visto che in teutonia luglio e agosto non vogliono dire per forza estate, cosa facciamo quando il termometro segna 30 gradi o più?
    Oggi all'asilo era vestito in tenuta super estiva e il bello é che ancora ha la tosse e il raffreddore!!! Bah, che dire.....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...