martedì 3 settembre 2013

Quando i bambini fanno Ja


Qualche settimana fa (più di un mese ormai) sono stata in Italia per lavoro. La prima volta che “scendo” sapendo di non passare da casa nemmeno un secondo è una morsa al cuore, di certo qualcosa da provare per assaporare una malinconia tutta nuova.
La sede italiana della ditta per cui lavoro si trova da qualche parte nel biellese e organizza una cosa eccezionale per venire incontro ai genitori che lavorano: un kids camp direttamente nel giardino della splendida villa che ospita gli uffici. I dipendenti pagano un tot (poco!) alla settimana e si portano i figli al lavoro consegnandoli all’animatrice alla mattina e riprendendoseli la sera tornando a casa. Io non voglio per forza parlare bene dell’azienda per cui lavoro, immagino che anche molte altre aziende hanno qualcosa di simile, però ditemi voi se questo non è un esempio di rispetto, attenzione, civiltà e soprattutto enorme intelligenza.
Piccola parentesi della serie “cavoli quanto sono vecchia!”: quando sei gggiovane (con 3 g perché mi riferisco all’età scolare e liceale) tre mesi di vacanza sono una figata cioè, sai che sbatti se no?
Quando non si è più tanto gggiovani ma comunque giovani e lavoratori, si guarda con una certa invidia a quei bambini in vacanza per un quarto del loro tempo e che manco fanno i compiti quei fannulloni, che oggi se li passano tutti via Facebook. Quando si è genitori entrambi lavoratori la prospettiva si stravolge e di colpo tre mesi di vacanza diventano un incubo. Qui in Germania per fortuna le vacanze durano solo sei settimane, un periodo tutto sommato gestibile. Chiusa la parentesi.
Arrivando in ditta il secondo giorno di trasferta ho osservato e notato una delle differenze più lampanti tra i bambini italiani e quelli tedeschi. Il tendone campus per i figli dei miei colleghi è stato montato non lontano da un piccolo cantiere. Se si fosse trattato di piccoli crucchini, sarebbero stati tutti ore ed ore ad osservare adoranti le due ruspe. Ai bambini italiani, invece, non ne importava un bel cavolo. Non ho potuto che condividere le mie rilevazioni con il grande capo della sede italiana, anche lui tedesco, il quale ha appoggiato le mie osservazioni facendomi notare che in effetti la Germania è la patria della tecnologia e che quindi un certo talento da ingegnere è per forza innato nei suoi connazionali. Io mi sento di dargli ragione e aggiungo anche una certa indole da street worker. Da mamma di un semiteutonico ho dovuto avvicinarmi piuttosto in fretta al mondo dei cantieri e dei mezzi da lavoro. Nel nido di Davide ci sono stati i lavori nel cortile per costruire un nuovo parco giochi e per settimane i bambini sono stati praticamente tutto il giorno con il naso appiccicato alla finestra a guardare in estasi le ruspe. Addirittura la prima parola di Joris è stata, con enorme disappunto di tutti i parenti, Bagger (ruspa) e potrei quasi giurare che Bagger rientri tra le prime 20 parole che proferisce un crucchino, 10 se è un maschietto. Ho quindi pensato di alleggerire gli sforzi di comprensione dei genitori italiani di bimbi nati in Germania riportando le parole da sapere per capire che cavolo sta dicendo o indicando il nostro Kind – vi prego quindi di condividere quel che leggete per aiutare altri connazionali in evidente difficoltà. Ci tengo inoltre a precisare che più della metà delle parole era ignota anche a me soprattutto in italiano, forse secondo il motto “ma quante volte userò in vita mia la parola muletto?”.

Bagger = ruspa in generale. I tedeschi però hanno una parola per tutto e quindi, entrando nello specifico, abbiamo Löffelbagger = escavatore a cucchiaia, quella ruspa con il braccio snodato tanto per intenderci. C’è poi il Schaufelbagger = la ruspa che sembra un trattore e che serve più che altro a spostare i macigni. Non so però se si tratti di a benna o a noria (se qualcuno lo sa scriva un commento, bitte!). Mentre scrivo Sven mi chiede indignato come sia possibile che io non conosca la differenza tra le ruspe… voi come siete messi quanto a mezzi edili?

Kran = gru. Autokran è la gru mobile, quella montata su un camion.

Gabelstapler = muletto o carrello elevatore.

Betonauto = betoniera.

Müllauto = camion della nettezza urbana in cui si svuotano i Mülltonnen.

Kehrmaschine = spazzatrice stradale – sapete che esistono video pubblicitari delle spazzatrici stradali su youtube? Davide li adora!

Feuerwehrauto = autopompa. Una volta al parco giochi del parco ne è arrivata una a spegnere un Mülltonne in fiamme perché qualche furbone ci aveva buttato dentro la carbonella ancora ardente del grill. È stata accolta con enorme euforia e scrosci di manine crucchine, manco fossero arrivati i supereroi in calzamaglia.

Krankenwagen = ambulanza.

Hubschrauber = elicottero.

Flugzeug = aeroplano.

Moped  = motorino (il fratello piccolo della Motorrad).

Zug = treno. Davide già in grado di distinguere se si tratta di un ICE (intercity), S-Bahn o U-Bahn. Non è un genio, è semplicemente crucco!

LKW = camion. L’acronimo sciolto è Lastkraftwagen, da tener ben separato da PKW = Personenkraftwagen o, per i comuni mortali tedeschi e non, das Auto.




Fonte immagine: http://www.giochiegiochi.it/zen/costruzioni-c-258/lego-c-258_1/duplo-c-258_1_2/la-grande-ruspa-lego-duplo-p-4833.html

3 commenti:

  1. ciao
    ho appena scoperto il tuo fantastico blog!!
    che mi servirà di sicuro di ripasso... ho un'amica che ha sposato un tedesco e quando mi ritrovo a parlare con i bimbi, pur avendo studiato questa lingua per 3 anni, non riesco ad andare oltre al Wie geth's?
    mi ricordo termini di poca utilità e robe atroci tipo questa:
    -e Hoechstgeschwindigkeitbegrenzung/en !!!
    ti lascio scoprire cos'è!! così poi ti farò un'altra domanda...
    a presto Riccio Pasticcio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille e... Willkommen :)
      Se il limite massimo di velocità (giusto?) ti sembra un'impresa titanica, prova con questa: Rindfleischetikettierungsüberwachungsaufgabenübertragungsgesetz
      :D
      Aspetto le tue domande e ti lascio il mio indirizzo mail: racconticavolo (@) googlemail.com
      A presto!

      Elimina
  2. Ciao...
    si è il limite massimo di velocità, ok che hanno anche in Germania i simboli, ma se gli dovesse capitare di scriverlo come spesso accade in autostrada da noi cosa usano? Dei pannelli?
    li ho sempre cercati e mai trovati...
    quella che hai scritto tu non riesco minimamente a ricomporla.... supervisione etichettatura della carne? Me ne manca un pezzo sicuro...
    ciao ricciopasticcio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...