sabato 3 settembre 2011

Conti svizzeri

Zurigo, 13 agosto 2011


"Oh, finalmente un cambio comodo!" - dico a Sven rimirando contenta l'euroconvertitore appena scaricato sull'Iphone.
Sono l'unica al mondo a vedere almeno un lato positivo del recente tracollo finanziario? Il cambio euro-franco svizzero è praticamente pari, cioè a 1,04 (il dato risale al giorno 11/8). E questo significa due cose: la prima è che non devo più fare conti cervellotici per capire quanto costa una tavoletta di ovomaltina fondente; la seconda è che avrei potuto tranquillamente non scaricare l'euroconvertitore e risparmiare 79 centesimi, cioè 0,79 CHF.
"Ma hai idea di cosa voglia dire? - mi chiede Sven indignato dalle mie blasfemie borsistiche. "Se prima la Svizzera per noi era carissima, ora è addirittura proibitiva! Guarda per esempio questo libro - è la biografia di Monica Seles sul tavolo della cucina - costa 36 CHF! Sono 36 euro! Ora controlla col tuo aggeggio - ooooh, ha chiamato "aggeggio" l'Iphone!!! - quanto costa in Germania."
26 euro
"Vabbè, tanto io sto libro del cavolo non l'avrei comprato comunque!"
Sven capisce che è meglio lasciar perdere e si dilegua.

Il giorno dopo andiamo con amici e bimbi a goderci una bella giornata di sole sul lago.
Ora di pranzo, languorino. "Cosa vuoi Mari?" - "Non so Sven, fai tu."
Torna con un toast dalla farcitura irripetibile. "Scusa, era la cosa che costava di meno: 7 CHF (cioè 7 euro!)". E mi fa un breve elenco: pizza 18 CHF, spaghetti al pomodoro 15 CHF, panino 9 CHF.
Non è che vogliamo fare i tirchi, sia chiaro. È che abbiamo i franchi svizzeri contati e dobbiamo stare attenti.
A un certo punto ci passa davanti una ragazza in bikini. Bella, magra, tonica, soda...insomma l'esatto opposto di una che ha avuto un bambino meno di un anno fa. A Sven giustamente cade l'occhio. "Certo che potresti guardarle le tette (enormi) in modo un po' meno plateale!" - "Ma quali tette, io guardavo il gelato che aveva in mano!"
Eh sì perchè un Magnum costa ben 3,70 CHF! E manco a farlo apposta come si chiama l'Algida (o Langnese per gli amici tedeschi) in Svizzera?
Guardate nella foto qui sotto!


5 commenti:

  1. Mi sono sbellicata!!! Ma scusa la domanda idiota: ti porti un cavolfiore in borsa oppure ne comperi uno ogni volta (e quanto costa in Svizzera?) ;-)

    RispondiElimina
  2. Uuuuh, diciamo che Helmut gode del dono della resurrezione...e cmq è tedesco!

    RispondiElimina
  3. In 25 anni di viaggi automobilistici Amburgo-Italia-Amburgo (in media 2/3 all'anno), in Svizzera ho lasciato pochissimo: perlopiù l'immondizia! ;-)

    RispondiElimina
  4. Da bravo tedesco guardava il gelato invece del lato B!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...