venerdì 19 dicembre 2014

Sei italiana? - holaquépasa

Il recente status di Facebook di una mia carisima amica e coexpat ambughese solleva un tema che sicuramente è stato già trattato e ritrattato da vari blog. Però non posso assolutamente rinunciare a dire la mia, specie dopo questo ulteriore episodio. 
Ecco il post
Questo è solo un esempio innocuo di quello che gli italiani sono "costretti" a subire in Germania non appena dichiarino la propria origine. 

Quando dico di essere italiana, le reazioni che ricevo dai miei interlocutori mostrano anche una serie di stereotipi che forse non sappiamo nemmeno di portarci dietro e che diventano più chiari una volta usciti dai nostri confini. 
Innanzitutto la cosa che mi ha lasciato molto perplessa all’inizio della mia avventura tedesca è stato come i tedeschi imitano gli italiani che parlano in tedesco. E visto che è difficile renderlo a parole, vi linko uno dei video delle campagne pubblicitarie di Mediamarkt. 



Dovete sapere che Mediamarkt si diverte a prendere in giro gli italiani soprattutto quando è in corso un campionato calcisitico. E ogni volta caterve di insulti di connazionali offesi a morte...
Io questa cadenza non riesco a riconoscerla da nessuna parte però do loro ragione nel fatto che l’italiano, data la sua natura di lingua romanza, tende ad unire le parole in una catena fonica e lo fa attancandoci una -e alla fine di ogni parola che termina in consonante - quindi in tedesco praticamente tutte! 

Tornando alle varie reazioni, dividiamole per categorie.

  • I simpaticoni

Il tipico esempio: 
Sei italiana? - Sì - eeeeeeeeeeeh Bella Italia! (e si mettono a gesticolare a caso)

Poi ci sono quelli estremamente simpatici:

Sei italiana? - Sì - eeeeeeh (sempre gesticolando)... vaffanculo! 
Molto probabilmente pensano di aver detto Buongiorno...


  • I politicanti

Tralasciando pizza, mafia e mandolino, la reazione politica che è quella che mi lascia in assoluto più sconcertata. 
Spesso quando si racconta di essere italiani vengono fuori i fantastici 2 ossia Mussolini o, ancora peggio, Berlusconi. Lo dico a chiare lettere: Non È Divertente!
Ma non esiste una sorta di pudore storico? E se succedesse il contrario? Vi mettereste a fare il saluto nazista ad un tedesco? Oddio... in effetti... purtroppo... ne ho vista e sentita ahimè di gente fare così! Mi piace pensare però che si tratti di una piccola minoranza e che l’umanità sia in generale dotata di un certo intelletto. 
Detto ciò mi chiedo: ma con tutti i personaggi famosi che si possono tirare fuori in tutte le arti - Leonardo, Michelangelo, Verdi, Puccini... Luca Toni.... Monica bellucci... Albano e Romina... - voi mi andate a prendere proprio Silvione?

  • I giramondo

Come non citare quelli che in Italia ci sono stati eccome? 

Di dove sei? - Di Milano - aaaaaah Milano! Io sono stato a Roma (molto interessante, grazie) 

Oppure

Sei di Milano? Io ho un amico a Milano che si chiama Paolo, lo conosci? (certo, ci abita giusto una persona che si chiama Paolo).

Oppure

Che strano, questa cosa dell'Italia proprio non la sapevo, e sì che ci vado tutti gli anni! - E dove? - Sul lago di Garda (dove è noto che ci sono più tedeschi che italiani). 


  • I temperamentvoll

Un altro stereotipo che viene fuori è che l’italiano sia temperamentvoll  che significa vivace, pieno di temperamento, sanguigno, tutto pepe, casinista - giusto per toccare varie sfumature semantiche di questo termine. Mi sono sentita dire che, per essere italiana, non sono sempre temperamentvoll come ci si aspetta; non sono come gli italiani del villaggio turistico in toscana! Al che io rispondo: gente, sono milanese, sono praticamente svizzera! 
Differenze regionali a parte è sicuramente verissimo e indiscutibile che noi italiani siamo temperamentvoll, ed è sicuro che alcuni (tanti) tedeschi (soprattutto nordici) che ho conosciuto perderebbero la sfida di temperament anche contro un sampietrino.
Il domandone è: perché la parola temperamentvoll è sempre accompagnata dal tipico italianissimo gesto qui sotto?

Fonte immagine: http://www.impariamo.info/2011/01/gesti-italiani-4.html


  • I linguisti

E ora arrivano i miei preferiti. Quelli che ti sentono parlare e ti chiedono "ist das Spanisch?" e cioè "parli spagnolo?"
Posso immaginare che la differenza tra spagnolo e italiano non sia ben chiara. Per carità, è una cosa ben comprensibile, le lingue sono molto simili. Sfido per esempio chi non sia esperto o appassionato di lingue nordiche a distinguere il danese dallo svedese. Sicuramente è una pratica che richiede un certo orecchio e una certa dimestichezza con le lingue straniere.

Ma tutto ciò che ne consegue è fantastico!

Proprio l'altro giorno in palestra mi è successo questo:
Ist das Spanisch? - Nein, Italienisch!
Aaaaaaah Italiano! Io fatto qvatro corsi di italiano in Volkshochschule! Io kapire un poco italiano!
(e si è visto infatti! Sarebbe da chiedere se rimborsano i corsi...) 

Come poi non citare le persone di una certa età che quando mi sentono parlare in italiano con i miei bambini, ed eventualmente avermi chiesto di che lingua si tratti (ist das Spanisch?), domandano: ma i suoi figli capiscono l’italiano? E qui vi rimando assolutamente ad un mio vecchio post (e vi chiedo di continuare a condividerlo per salvare il bilinguismo)

Chiudo con i miei idoli assoluti.

Sono quelli che ti chiedono “ist das Spanisch?” - “nein, das ist It”... e non ti fanno manco finire la frase che iniziano a urlare a squarciagola hola qué pasa - con tutti i chica e i señorita del caso. 

Oppure quelli che la risposta la ascoltano eccome, e poi ... hola qué pasa
O, ancora, quelli che dopo quattro corsi di italiano ci tengono a dimostrarti di aver imparato qualcosa e quindi...  hola qué pasa

Sono dei geni e quindi vi prego, se li incontrate sul vostro cammino, fate loro i complimenti, dite che hanno davvero talento per le lingue, che devono continuare a studiare l’italiano perché faranno molto strada. 

E ora sotto con i vostri racconti!






 

15 commenti:

  1. Sei italiana? Sì.
    Come ti chiami? cecilia.
    Ah, Cicciolinaaaaaa Cicciolinaaaaa!

    RispondiElimina
  2. È successo anche a me:
    "Sei italiano?"
    "Si"
    "OK, aaaah, grazias" :(

    Però anche noi italiani, quando crediamo di essere giudicati con gli stereotipi, facciamo delle figure:
    "Sei italiano?"
    (Occhi smarriti..) "Si, si, però dell'Italia del nord...."
    (No comment) :D

    RispondiElimina
  3. Post favoloso, un giorno (quando avrò qualche primavera tedesca in più)proverò anch'io a fare un post simile.
    Con me sono solitamente tutti sorridenti: "Ah, bella l'Italia! Ci sono stato. Al Lago di Garda, ah-ah-ah!". Trovo diffidenza solo alla stazione di servizio. Vedono la targa e ti guardano storto. Mah.

    RispondiElimina
  4. questa descrizione fa davvero ridere e purtroppo è vera!! succede sempre così! quelli che mi fanno più sorridere sono i giramondo!!

    RispondiElimina
  5. Muoio! Ahahahahaahahah
    Io, quando sono stata in Inghilterra, l'unica cosa strana che mi è successa è stata una signora in bicicletta che si è fermata di colpo, mi ha preso la mano, e mi ha chiesto di dov'ero. "Italy" rispondo, e lei " You're beautiful darling" con una faccia da pazza incredibile, ma no, niente scimmiottamenti della lingua. Solo in Spagna, dove a quanto pare, ci odiano.

    http://thatbionicgirlwithaheartofflesh.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Qui in Brasile invece, oltre a Berlusconi, mi tirano fuori Battisti (il terrorista, non il cantante) e tutti si divertono a dire che Baggio "è uno di noi" x via del rigore sbagliato contro il Brasile nella finale dei mondiali del 94...

    RispondiElimina
  7. Ce le ho tutte! Collezionate tra Germania, Olanda e Inghilterra :D
    Devo ammettere che quelli che odio di più sono quelli che confondono l'italiano con lo spagnolo, e qualcuno ha anche avuto il coraggio di dire che erano uguali! In barba alla mia solita diplomazia, li tratto sempre malissimo :D

    RispondiElimina
  8. Qui mi fanno capire che se sei di milano non sei neanche italiano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah no non è questo il senso.. io sono veneto e ho capito cosa intende l'autrice del post, anche a me in Germania dicevano sempre "non sembri italiano" perché sono un tipo abbastanza tranquillo e puntuale, sono alto con la pelle chiara e gli occhi verdi, non parlo a voce altissima e non gesticolo.. quindi non corrispondo tanto al loro stereotipo di italiano che io comunque non condivido perché ogni persona è diversa e non esiste "l'italiano del sud" come non esiste l'"italiano del nord", ma senza dubbio il loro stereotipo, specie sull'aspetto fisico, è più basato sugli italiani del sud che non su quelli del nord che fisicamente non sono molto diversi dagli austriaci o dai bavaresi per dire..

      Elimina
  9. La mia piu' bella:
    "Sei italiana?"
    "Si"
    "Io sono stata in italia e guardando la televisione in albergo era pieno di donnine nude. E' cosi' la vostra televisione?"
    "Ma intendi donnine nude tipo le vallette dei talk show che sono poco vestite?"
    "No no tutte nude integrali. Perche' voi in Italia siete sessualmente piu' liberi no? Avete le vetrine per strada no?"
    "No, mi sa che era un canale porno"

    RispondiElimina
  10. Fantastico! Questo post avrei potuto scriverlo io, mi sono capitate TUTTE! Complimenti per lo stile tra l'altro, sono piegata in due dalle risate :)

    Io sono di Padova e mi capita letteralmente sempre che i tedeschi che incontro abbiano qualche "dubbio" sulla mia italianità, addirittura mi chiedono spesso se sono mezza italiana o mezza tedesca..mah, non sono nemmeno bionda -.-

    Un altro episodio davvero assurdo che mi è capitato è stato: " Sono italiana.."
    " Oh è bellissima l' Italia, sono stata a Mallorca l'anno scorso!" seguito da sconcertato silenzio...

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Articolo fantastico super divertente e soprattutto veritiero! Effettivamente l'italiano è una delle lingue che, nel bene e nel male, suscitano più reazioni nei tedeschi.. anche io ricordo tutto il campionario di gesticolamenti folli che alcuni tedeschi facevano appena sentivano dire Italien oder italienisch, spesso gesti che noi neppure facciamo, tipo asciugarsi la fronte e alzare gli occhi al cielo dicendo a voce alta "mamma mia", che mi chiedo dove cavolo li abbiano visti.. poi appunto il campionario di gente che risponde con battute in spagnolo o che mi dice schön, ich hab Französisch lang gelernt.. interessante io no invece! addirittura qualcuno mi ha chiesto se noi italiani a volte tra di noi parliamo in latino.. benon no comment.. per non parlare di quelli che sono convinti che "o Sole Mio" sia il nostro secondo inno nazionale e mi chiedevano se la so cantare.. al che devo spiegare ogni volta che è una canzone napoletana e che io che vengo da Padova probabilmente non ne capirei nemmeno il testo e che comunque si tratta di una canzone sicuramente splendida ma che non ha nulla a che fare con il Veneto e con Venezia (per smentire un altro loro stereotipo del gondolier venexian che la canta vogando, ma quando mai??); insomma davvero a volte verrebbe la tentazione di dire che si è che ne so svizzeri solo per evitare questo campionario di risposte stupide ed ignoranti veramente di serie z che io non rivolgerei mai ad uno straniero a parti inverse..
    d'altro canto devo però dire che ho visto tantissimi, veramente tantissimi occhi teutonici illuminarsi appena sentono parlare di Italia, venire da me tutti contenti e lasciar da parte ogni freddezza o diffidenza per raccontarmi in preda ad un entusiasmo irrefrenabile dei loro viaggi nel Bel Paese, dei piatti tipici che hanno sperimentato, dei luoghi visitati, delle serate all'Opera, delle esperienze indimenticabili vissute! un entusiasmo o una gioia che non ho mai visto negli occhi tedeschi quando parlano di altri paesi come Francia o Inghilterra.. penso che nessun popolo abbia una conoscenza e una passione per la nostra storia, arte, cultura, lingua (ironia a parte l'italiano ha davvero successo li anche se i risultati nell'apprendimento sono appunto molto alterni;)) pari a quella dei tedeschi, e non è raro conoscere tedeschi che hanno viaggiato moltissimo in tante Regioni d'Italia e conoscono luoghi, aneddoti e storia che nemmeno noi italiani mediamente conosciamo..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...